LA MEMORIA DEI LUOGHI DI TIRANA

Nella sua pur breve storia Tirana ha conosciuto un costante riassetto urbanistico e architettonico legato all'avvicendarsi di occupanti stranieri e regimi totalitari e alle loro diverse esigenze di monumentalità e di controllo dello spazio pubblico. Con la caduta del comunismo, molti dei palazzi che avevano assunto un significato simbolico nella lunga stagione della dittatura sono entrati al centro del dibattito civico, in una contrapposizione che ha visto da una parte i fautori di una loro definitiva demolizione per poter guardare liberamente al futuro, dall'altra coloro che vogliono avviare – con la conservazione e trasformazione di quegli edifici – un percorso di condivisione della memoria come collante dell'intera comunità. L'architetta Elisabetta Terragni illustra alcuni di questi importanti interventi di recupero e musealizzazione da lei realizzati su commissione del Comune di Tirana, tra cui la Casa delle Foglie – l'ex-sede della polizia segreta albanese – e la Casa Museo Kadare, recentemente inaugurata. Interviene l'architetto Giovanni Fraziano dell'Università degli Studi di Trieste.

Con il sostegno del Ministero della Cultura d’Albania e del Municipio di Tirana.

1Luoghi collegati

1Enti correlati