10/09/2020

UNA QUESTIONE DI VISIONE

2020_09_10_023

Dalle ore di incessante disegno all'Istituto d'Arte negli anni Sessanta, fino ai premi Compasso d'Oro e alle opere progettate a livello internazionale insieme a Patricia Viel negli ultimi decenni, il percorso di Antonio Citterio non ha mai subito battute d'arresto, anche perché – per usare le sue stesse parole – «un architetto, un designer non smette mai di essere curioso». Sempre a cavallo dei due mondi, il celebre creativo lombardo ha saputo leggere con costante lucidità il modo di vivere gli ambienti, fossero essi gli interni di un'abitazione o i grandi spazi all'esterno di un vasto complesso di edifici, convinto che la figura del designer-architetto debba essere in grado di interpretare i cambiamenti della società, anticipandone gli scenari futuri. Insieme a Beppe Finessi, Citterio ripercorrerà la sua intensa carriera e spiegherà perché «i prodotti nascono prima ancora di essere disegnati. Il disegno è soltanto l'ultima parte. Se hai la lungimiranza di capire cosa fare, hai già fatto il 50 per cento. Il design non è altro che una questione di visione».

English version not available

Italiano

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati

1Enti correlati