11/09/2021 - lavagne

lavagne – merci

540

"La macchina è un oggetto involontario. La macchina non ha memoria. Piuttosto essa aiuta, accresce la nostra possibilità di magia. Una pagina scritta a macchina è una pagina scritta da noi con una mano molto più organizzata, una mano mitologica con quarantacinque dita". Dalla M1, prima macchina da scrivere italiana per cui viene scomodato come testimonial nientemeno che Dante Alighieri, alla versatile e trasgressiva Valentine, immortalata nelle mani di Brigitte Bardot, Chiara Alessi (Tante care cose) racconta il prodotto che più di ogni altro ha segnato la storia della produzione industriale dell'Olivetti e ispirato il pensiero di Adriano Olivetti riguardo al rapporto tra uomo e tecnologia.

1Persone correlate

1Luoghi collegati

1Enti correlati