La biblioteca elegante

rassegna

L'avventura della moda italiana tra Otto e Novecento costituisce tuttora una delle più riuscite sinergie tra industria, arti visive, design e letteratura prodotte nel nostro paese. Non v'è avanguardia o corrente artistica che non abbia offerto il proprio contributo creativo all'affermazione dello stile in tutto il mondo, e la letteratura non è stata meno generosa. Autori come Giacomo Leopardi, Guido Gozzano, Alberto Arbasino, Gabriele D'Annunzio, Irene Brin e molti altri hanno dedicato pagine tutt'altro che occasionali ad abiti e accessori, sarti e buone maniere. Allestita in uno spazio da sfilate, la biblioteca elegante metterà a disposizione del pubblico oltre trecento volumi grazie alla collaborazione dei sistemi bibliotecari mantovani e della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, da cui provengono anche le rarissime riviste di moda di inizio Novecento proposte al Festival in versione digitale. Non mancheranno quest'anno i camerini sonori, in cui sarà possibile ascoltare una speciale playlist modaiola, da La modista raggiratrice di Giovanni Paisiello a Comici cosmetici di Alberto Camerini.