Tompkins, Peter

Persona

Peter Tompkins al Festivaletteratura 2003 - ©Festivaletteratura

Peter Tompkins è nato nel 1919 ad Athens, in Georgia, ma ha trascorso gran parte della sua infanzia in Italia, tra Roma e la Toscana. Dall'Università di Harvard torna in Italia allo scoppio della Seconda guerra mondiale come corrispondente del "New York Herald Tribune" prima e, in seguito, della MBS e della NBC. Nel 1941 entra nell'OSS (Office of Strategic Services, trasformato in CIA dopo la fine della guerra) operando in Africa Orientale, Italia e Germania. A guerra finita riprende l'attività di giornalista lavorando per la CBS negli Stati Uniti e in Italia. Scrive per le testate "The New Yorker", "The New Republic", "Time", "Life", "Look", "Esquire", "The Observer", "Paris Match", "L'Europeo". Si dedica alla ricerca storica, archeologica e allo studio della natura, producendo una ventina di libri, fra cui vari best seller mondiali tradotti in una ventina di lingue. Per Simon&Schuster (New York) dopo "Una spia a Roma", ha scritto i libri storici "Italy Betrayed" e "The Murder of Admiral Darlan". Si è spento nel 2007.

English version not available

Bibliografia

"La vita segreta delle piante" con B. Christopher, SugarCo, 1994 (Il Saggiatore, 2002)
"L'altra Resistenza. La liberazione raccontata da un protagonista dietro le linee", Rizzoli,1995 (Il Saggiatore, 2005)
"La CIA in Guatemala. Orrori di un genocidio", con M. L. Forenza, Odradek, 2000
"Dalle carte segrete del Duce", Marco Tropea, 2001 (Il Saggiatore, 2004)
"La magia degli obelischi", Marco Tropea, 2001
"Una spia a Roma", Il Saggiatore, 2002

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana