Schulze, Ingo

Persona

Ingo Schulze è nato nel 1962 a Dresda. Ha studiato lettere classiche a Jena e lavorato come drammaturgo e redattore ad Altenburg. Dal 1993 vive a Berlino. Per il suo primo libro, la raccolta di racconti "33 momenti di felicità" (1998), frutto di una lunga permanenza a San Pietroburgo, ha ricevuto tra gli altri il premio letterario Aspekte e si è imposto in Germania come uno dei giovani scrittori più importanti. Ma il grande successo è arrivato tre anni dopo con la pubblicazione di "Semplici storie", uno dei più clamorosi casi letterari internazionali degli ultimi anni. Tra i tanti riconoscimenti, Semplici storie ha vinto il premio letterario della città di Berlino. Nel 1998 il "New Yorker" ha annoverato Schulze tra i sei migliori giovani romanzieri europei e "The Observer" lo ha citato tra i «ventuno autori di cui ci si ricorderà nel ventunesimo secolo». Nel 2000 è apparso "Von Nasen, Faxen und Ariadnefäden" (insieme con Helmar Penndorf). Nel 2001 ha ottenuto il premio letterario Joseph Breitbach, nel 2006 il premio Peter Weiss della città di Bochum. È membro dell'Accademia delle arti di Berlino e dell'Accademia tedesca per la lingua e la poesia. I suoi libri sono tradotti in ventisette lingue. Nel 2001 è stato writer in residence a Villa Massimo, Roma, tributo riconosciuto annualmente dal governo tedesco agli scrittori più significativi per la Germania. "Vite nuove-2 (2007) è il ritratto definitivo del cambio epocale avvenuto con la caduta del Muro di Berlino, l'atto di nascita del nostro tempo.

English version not available

Bibliografia

"33 momenti di felicità", Mondadori, 1999
"Semplici storie", Mondadori, 2001
"Vite nuove", Feltrinelli, 2007
"Bolero berlinese", Feltrinelli, 2008
"Adam e Evelyn", Feltrinelli, 2009

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana