Bichsel, Peter

Persona

Peter Bichsel al Festivaletteratura 2012 - ©Festivaletteratura

Peter Bichsel è uno degli scrittori svizzeri più noti. Nato nel 1935 a Solothurn, dove vive tuttora, si è inizialmente dedicato all'insegnamento. Nel 1964 una raccolta di racconti lo ha reso celebre: "Storie per bambini, apologhi vagamente surreali sui paradossi del mondo", una lettura quasi d'obbligo nelle scuole di lingua tedesca. Bichsel oggi è conosciuto in particolare per le raccolte di saggi che punteggiano stili e contraddizioni della vita civile, forme di intolleranza politica, razziale e di censo, e sottolineano il primato delle storie sulla storicizzazione. Fondamentali le lezioni su lettura e letteratura, tenute a Francoforte nel 1982, raccolte con il titolo "Il lettore, il narrare". Nel 2012 ha vinto il Gran Premio Schiller, il più prestigioso premio letterario svizzero.

English version not available

Bibliografia

"La Svizzera dello svizzero", Casagrande, 1970 (1977)
"Il lattaio e altri racconti", A. Mondadori, Milano 1967 ( Marcos y Marcos 1988)
"Le stagioni", Gottardo, 1981
"Il lettore, il narrare", Aelia Laelia, 1985, (Comma 22, 2012)
"Storie per bambini", Marcos y Marcos, 1986 (2002)
"Al mondo ci sono più zie che lettori", Marcos y Marcos, 1989
"Il virus della ricchezza", Marcos y Marcos, 1989 (Demetra, 1996)
"Le piacerebbe essere stato Mozart?", Marcos y Marcos 1993
"Sulla città di Parigi", Marcos y Marcos, Milano 1994
"Questo mondo di plastica", Marcos y Marcos, 2000
"La doppia vita di Cherubin Hammer", Marcos y Marcos, 2001
"Quando sapevamo aspettare", Comma 22, 2011