Spufford, Francis

Persona

Spufford Francis al Festivaletteratura 2014 - © Festivaletteratura

Già vincitore, nel 1997, del Sunday Times Young Writer of the Year Award e membro dal 2007 della Royal Society of Literature, lo scrittore britannico Francis Spufford (1964), docente di scrittura creativa al Goldsmith College, ha all'attivo la curatela di due antologie letterarie e di una miscellanea di saggi sulla storia della tecnologia. Appassionato lettore di fantascienza (nel 2008 e 2010 è stato uno dei giudici del premio Arthur C. Clarke), predilige la letteratura di genere e l'ibridazione tra generi letterari. La sua opera prima, "I May Be Some Time" , nel 1997 viene premiata con il Writers' Guild Award per il miglior libro di Non-Fiction, con il Banff Mountain Book Prize e il William Somerset Maugham Award. Il suo secondo lavoro, "The Child that Books Built" (2002), è un memoir che attira ulteriormente l'attenzione della critica e raccoglie entusiastici commenti da parte di autori di culto come Neil Gaiman. Altrettanto apprezzato è "Backroom Boys", selezionato nel 2003 per l'Aventis Prize. Con "Red Plenty" (2010) tradotto in italiano col titolo "L'ultima favola russa", l'autore intraprende un viaggio a ritroso nell'Unione Sovietica degli anni Cinquanta e Sessanta, indagandone l'economia, i progressi scientifici e gli stili di vita e abbozzando in una mirabile opera trans-genere - a metà strada tra la narrativa e il saggio storico - «la replica in miniatura di un mondo di idee rimaste invisibili ai più e ora sparite per sempre» (Andrew Meier, "The New York Times").

Already the 1997 winner of the Sunday Times Young Writer of the Year Award and a member of the Royal Society of Literature since 2007, British writer Francis Spufford (1964), a creative writing professor at Goldsmith College, edited two literary anthologies and a series of essays on the history of technology. A science fiction buff (in 2008 and 2010 was one of the judges of the Arthur C. Clarke prize) prefers genre fiction and hybridization amongst various styles. His firs book was "I May Be Some Time" which was awarded with the Writers' Guild Award as best non-fiction book, the Banff Mountain Book Prize and the William Somerset Maugham Award. His second book "The Child that Books Built" (2002) is a memoir attracting the attention of the critics and cult authors such as Neil Gaiman. The "Backroom Boys" is equally appreciated. With "Red Plenty" (2010) the author goes back in time in the 50's and 60's Soviet Union, investigating their economy, the scientific advances and lifestyles, sketching out a formidable trans-genre work - halfway between fiction and historical essay - «a reproduction on a smaller scale of a world of ideas that were invisible to most people that have now disappeared for ever» (Andrew Meier, "The New York Times").

Bibliografia

"I May Be Some Time. Ice and the English Imagination", Faber & Faber, 1996
"The Child That Books Built", Faber & Faber, 2002
"Backroom Boys. The Secret Return of the British Boffin", Faber & Faber, 2003
"L'ultima favola russa", Bollati Boringhieri, 2013

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana