Rolin, Olivier

Persona

Olivier Rolin al Festivaletteratura 2016 - ©Festivaletteratura

Originario di Boulogne-Billancourt, dove è nato nel 1947, è cresciuto in Senegal e si è laureato in lettere e filosofia presso l'École normale supérieure. Il suo debutto nella narrativa risale al 1983 con "Phénomène futur", romanzo che si colloca nel filone della letteratura distopica e in cui già traspaiono i nuclei fondamentali delle sue opere successive: la nostalgia per il passato rivoluzionario, la militanza politica, lo sguardo partecipe sulle vicissitudini di individui che restano per sempre impresse, in bilico tra speranze e fallimenti, nel grande affresco della storia ufficiale. Con "Port-Sudan" si aggiudica nel 1994 il Prix Fémina; frattanto inizia a prendere corpo a una convincente ricostruzione della temperie culturale del Maggio francese, culminata nel 2002 in "Tigre di carta" (Prix France Culture), «romanzo choc per veridicità e sofisticatezza» - come ha scritto Marina Bisogno su "Satisfacition" - che a oggi continua a essere considerato il suo capolavoro e una delle migliori riflessioni su una stagione fondamentale della storia contemporanea, vista e testimoniata dal di dentro, senza retorica né rimpianti. Nel 2016 è uscito in Italia "Il metereologo", una biografia romanzata dello scienziato sovietico Aleksej Feodos'evich Vangengejm, caduto vittima delle purghe staliniane.

English version not available

Bibliografia

"Port Sudan", Donzelli, 1995
"Meroe", Passigli, 2002
"Paesaggi originari. Borges, Hemingway, Kawabata, Michaux, Nabokov", Passigli, 2007
"Tigre di carta", Clichy, 2014
"Il metereologo", Bompiani, 2016

Cerca nel catalogo della Rete bibliotecaria mantovana