Agamben, Giorgio

Persona

Già docente nelle università di Macerata e Verona e allo IUAV di Venezia, Giorgio Agamben (Roma, 1942) ha insegnato in diversi atenei e istituti internazionali, tra cui il Collège International de Philosphie a Parigi, dove è stato Directeur de programme dal 1986 al 1993. La sua opera saggistica è tradotta e commentata in tutto il mondo. A partire dal libro Homo Sacer. Il potere sovrano e la nuda vita (1995), nell'arco di vent'anni ha elaborato un progetto di archeologia del pensiero politico e filosofico occidentale, una teoria del rapporto fra diritto e vita che passa attraverso i successivi Quel che resta di Auschwitz (1998), Stato di eccezione (2003), Il regno e la gloria (2007), Il sacramento del linguaggio (2008), Altissima povertà (2011), Opus dei (2012), L'uso dei corpi (2014) e trova una sistemazione definitiva in Homo Sacer (Quodlibet, 2018), un volume unico in cui sono state inserite tutte le integrazioni e le correzioni volute dall'autore. I suoi lavori più recenti sono: Creazione e anarchia. L'opera nell'età della religione capitalistica (2017) e Il Regno e il Giardino (2019). Per Garzanti ha curato l'edizione postuma dell'ultimo libro di poesie di Giorgio Caproni (Res amissa, 1991) e per Einaudi ha promosso e curato l'edizione italiana delle Opere complete di Walter Benjamin. Attualmente è curatore della collana di poesia bilingue Ardilut, edita da Quodlibet, che accanto ai nuovi poeti ripubblica, a cominciare da Pier Paolo Pasolini e Andrea Zanzotto, autori che hanno scritto tanto in lingua italiana che in dialetto.

(foto: © Leonardo Céndamo)

Bibliografia

L'uomo senza contenuto, Rizzoli, 1970 (Quodlibet, 2013)

Stanze. La parola e il fantasma nella cultura occidentale, Einaudi, 1977 (2011)

Infanzia e storia. Distruzione dell'esperienza e origine della storia, Einaudi, 1978 (2001)

Il linguaggio e la morte. Un seminario sul luogo della negatività, Einaudi, 1982 (2008)

Idea della prosa, Feltrinelli, 1985 (Quodlibet, 2013)

La comunità che viene, Einaudi, 1990 (Bollati Boringhieri, 2001)

Homo Sacer. Il potere sovrano e la nuda vita, Einaudi, 1995 (2005)

Categorie italiane. Studi di poetica, Marsilio, 1996 (Laterza, 2011)

Mezzi senza fine. Note sulla politica, Bollati Boringhieri, 1996

Quel che resta di Auschwitz. L'archivio e il testimone, Bollati Boringhieri, 1998 (2007)

Il tempo che resta. Un commento alla Lettera ai Romani, Bollati Boringhieri, 2000

L'aperto. L'uomo e l'animale, Bollati Boringhieri, 2002

Stato di eccezione, Bollati Boringhieri, 2003

Profanazioni, Nottetempo, 2005

La potenza del pensiero. Saggi e conferenze, Neri Pozza, 2005 (2012)

Il regno e la gloria. Per una genealogia teologica dell'economia e del governo, Neri Pozza, 2007 (Bollati Boringhieri, 2014)

Il sacramento del linguaggio. Archeologia del giuramento, Laterza, 2008 (2009)

Nudità, Nottetempo, 2009 (2013)

Angeli. Ebraismo cristianesimo Islam, a cura di Giorgio Agamben ed Emanuele Coccia, 2009

Altissima povertà. Regole monastiche e forma di vita, Neri Pozza, 2011

Opus dei. Archeologia dell'ufficio, Bollati Boringhieri, 2012

Il mistero del male. Benedetto XVI e la fine dei tempi, Laterza, 2013

Pilato e Gesù, Nottetempo, 2013 (2018)

Il fuoco e il racconto, Nottetempo, 2014

L'uso dei corpi, Neri Pozza, 2014

Stasis. La guerra civile come paradigma, Bollati Boringhieri, 2015 (2019)

Pulcinella ovvero divertimento per li regazzi, Nottetempo, 2015 (2016)

Gusto, Nottetempo, 2015

L'avventura, Nottetempo, 2015

Che cos'è la filosofia?, Quodlibet, 2016

Che cos'è reale? La scomparsa di Majorana, Neri Pozza, 2016

Autoritratto nello studio, Nottetempo, 2017

Karman. Breve trattato sull'azione, la colpa e il gesto, Bollati Boringhieri, 2017

Creazione e anarchia. L'opera nell'età della religione capitalistica, Neri Pozza, 2017

Homo Sacer, Quodlibet, 2018

Il Regno e il Giardino, Neri Pozza, 2019