Tesson, Sylvain

Persona

Sylvain Tesson, classe 1972, è uno scrittore e viaggiatore francese. Dopo un giro del mondo in bicicletta si innamora dell'Asia centrale, che visita frequentemente a partire dal 1997. Come autore esordisce nel 2004 con un racconto di viaggio, L'Axe du loup. Nel 2011 consegna alle stampe Nelle foreste siberiane, grazie al quale si aggiudica il Prix Médicis e ottiene un vastissimo seguito. Il libro è il diario tenuto dallo scrittore durante i sei lunghi mesi trascorsi in una piccola capanna di legno situata in prossimità del lago Bajkal, in Siberia. «Mi ero ripromesso che prima dei quarant'anni avrei vissuto da eremita nei boschi. Sono andato a stare per sei mesi in una capanna siberiana, sulla sponda del lago Bajkal […]. Mi sono portato libri, sigari e vodka. Il resto – spazio, silenzio e solitudine – c'era già». A questo primo, grande successo seguono i racconti di viaggio di Abbandonarsi a vivere (2015), con protagonisti personaggi al limite in situazioni estreme, e Beresina. In sidecar con Napoleone, l'avvincente resoconto di un itinerario sulle orme della campagna napoleonica in Russia, pubblicato in Francia nel 2016. Nel 2018 è uscito per Sellerio Sentieri neri, un omaggio all'arte antica ma sempre sorprendente del camminare, seguito nel 2020 da La pantera delle nevi «un canto d'ammirazione per la natura e il regno animale» (Bernard Pivot su Le Journal du Dimanche) che ha preso forma tra i maestosi paesaggi del Tibet.

Bibliografia

Piccolo trattato sull'immensità del mondo, Guanda, 2006

Baku, elogio dell'energia vagabonda, Excelsior 1881, 2007

Nelle foreste siberiane. Febbraio-luglio 2010, Sellerio, 2012 (2014)

Abbandonarsi a vivere, Sellerio, 2015

Beresina. In sidecar con Napoleone, Sellerio, 2016

Sentieri neri, Sellerio, 2018

La pantera delle nevi, Sellerio, 2020