04/09/2002

Amitav Ghosh


2002_09_04_002

Nato a Calcutta, Amitav Ghosh è uno scrittore che attraverso intrecci sapientemente costruiti riesce a restituirci le più profonde trame culturali che percorrono le terre e la storia dell'Asia. L'India, il Pakistan, l'Egitto, la Birmania, la Malesia e la Cambogia sono ora oggetto di analisi politico-antropologica ("Estremi Orienti"), ora il luogo di un avvincente thriller scientifico-culturale ("Il cromosoma Calcutta"), ora lo sfondo di grandi epopee familiari, come nell'ultimo "Il palazzo degli specchi". Lo presenta Anna Nadotti, traduttrice di molti dei suoi libri.


English version not available

Italiano

Anna Nadotti dice di provare un certo imbarazzo nel presentare un autore con cui ha condiviso l'intimità del rapporto che si instaura tra uno scrittore e chi traduce la sua opera. Amitav Gosh sorride. Il brusio del pubblico si spegne. Così si apre l'incontro a tre, uno dei primi del Festival, nel Cortile della Cavallerizza. L'estrema mobilità dei confini e gli spostamenti che definiscono la mappa del mondo sono le tessere che compongono il complesso e variegato universo di Amitav Ghosh, che attribuisce il suo bisogno di riprodurre il senso dello spostamento a un'infanzia vissuta tra l'India e il Bangladesh. Nella sua opera la memoria storica e quella individuale si intrecciano in trame che attraversano le antiche tradizioni religiose e culturali di paesi su cui oggi, per motivi politici, si concentra l'attenzione del mondo occidentale.

1Luoghi collegati

1Enti correlati