09/09/2004

Miljenko Jergović


2004_09_09_020

Miljenko Jergović è il più conosciuto tra i giovani autori bosniaci. Nato a Sarajevo nel 1966, Jergović mescola i generi e gli stili, passando dalla prosa filosofica al romanzo epico, dalla cronaca dell'attualità al lirismo. Le vicende private - come in "Mama Leone" - si intrecciano con la storia della Jugoslavia fino al suo dissolvimento, e nel contempo con questioni come la percezione del tempo, il dolore della perdita, la precarietà degli affetti. 


English version not available

Italiano

Il Prof. Ferrari apre l'incontro con Miljenko Jergovic definendolo come uno degli autori più rilevanti nel panorama dei nuovi scrittori bosniaci, il ponte tra una vecchia generazione e una nuova. Miljenko Jergovic porta qui a Mantova un'immagine della città che più di tutte sente sua: Sarajevo. È per lui, infatti, la città pietra di paragone con tutte le altre, quelle in cui è stato e quelle in cui è vissuto. Ma c'è molto di più: il giovane autore lega la sua opera e se stesso al fascino e al mistero di Sarajevo, ma anche alla sua complessa drammaticità che rivive magicamente in opere come "Mama leone" e "Hauzmajstor Sule il custode della memoria". La difficoltà di approccio è anche una sfida che Jergovic vince aprendo il dialogo con il suo pubblico così: «leggerei solo una poesia per farvi sentire come suona». La musicalità della sua poesia ci rapisce e ci incanta e noi non possiamo fare altro che applaudire.

1Luoghi collegati