07/09/2006

MADE IN ITALY


2006_09_07_058

Evento ripetuto


Un'autobiografia antropologica narrata sotto la luce delle trasformazioni che si sono succedute dal dopoguerra ad oggi: "Made in Italy" è l'ultimo lavoro di Vincenzo Cerami, scritto per festeggiare i dieci anni di Festivaletteratura. Dalla fine della fame alla dissoluzione delle parrocchie, all'arrivo della televisione, agli ultimi rantoli della società contadina, all'irruzione del benessere seguita dai controversi aneliti del Sessantotto. E poi l'oggi globale, la famiglia, l'anomia, la paura.
 Con Aisha e Vincenzo Cerami; gioco di musiche: Nicola Piovani; gioco di immagini: Giorgio Di Tullio; pianoforte: Enrico Arias.
 Una produzione Ambra Jovinelli in collaborazione con Festivaletteratura.


English version not available

Italiano

Teatro Ariston al completo per lo spettacolo di Vincenzo Cerami. Ci vuole raccontare la Storia d'Italia, ma secondo Cerami la vera storia non è ciò che succede, ma «ciò che non succede». «La storia italiana è la storia dei sogni del cassetto, delle idee mai realizzate», commenta dal palcoscenico. Racconta degli anni '50, in cui il programma diventa la bellezza: si vuole cambiare la forma a tutto, anche dagli oggetti più semplici ci si aspetta funzionalità e bellezza. È l'Italia costruita, è la menzogna che dilaga! L'arte entra nell'industria per modificare tutto. Arriva il '68 con la sua plastica e il suo plexiglas, in questi anni tutti devono avere il diritto di comprare tutto, non c'è più la bellezza aristocratica. Negli anni '80 la bellezza parla: arriva il vivavoce, la segreteria telefonica e il telefonino. Ormai è qualcun altro che decide cosa deve piacerci. Il '900 è il secolo della velocità, il nostro secolo invece è il secolo della velocità immobile: oggi si fa tutto da seduti, tanto che Cerami si immagina in un futuro prossimo un abito tecnologico e interattivo capace di contare i battiti del nostro cuore e di inviare il risultato, attraverso internet, al nostro sedentario cardiologo. Quella del 2000 è un'Italia che non ha voglia di fare niente, il cui unico obiettivo è vivere il più a lungo possibile senza preoccuparsi se la società invecchia, ricorrendo a tutte le conoscenze della medicina. L'Italia è campione del mondo di design, ma la storia dell'Italia è la storia delle idee non realizzate e non utilizzabili. Ci siamo lasciati ingannare delle belle forme e dalle immagini, non ci resta che chiudere gli occhi, non ci rimane che lo sciopero degli occhi. Ma è veramente uno sciopero o ci siamo accecati come Edipo? Per Cerami la questione da affrontare a questo punto è come faranno gli uomini a vivere sempre di notte.

1Luoghi collegati