07/09/2007 - Scienze Confidenziali


QUALSIASI COSA PUÒ ESSERE UN'OPERA D'ARTE?


2007_09_07_112

Che cosa distingue un'opera d'arte da ciò che non lo è? Il nome dell'artista? La finalità per cui viene fatta? La sua rispondenza a un canone estetico riconosciuto da una comunità? Oppure ci stiamo ponendo una domanda che non ha senso? Parliamone insieme al filosofo Maurizio Ferraris e allo studioso di estetica Massimo Carboni.


English version not available

Italiano

Perché un nostro sogno, un teorema di Pitagora, un uragano e la muraglia cinese non possono essere un'opera d'arte? Questa è l'opinione di Maurizio Ferraris che cerca di spiegarci che non tutto può essere un'opera d'arte. Questo perché l'arte possiede un valore sociale che nasce dalla relazione che si crea tra l'opera stessa e chi ne fruisce... un sogno chiuso in un cassetto e mai svelato cosa può dire? O cosa può importarci se il cinque scritto su un foglio è stato scritto da Goya o da Picasso? Nell'arte invece lo stile differenzia e non appiattisce le immagini alla cruda rappresentazione. Diversa l'opinione di Massimo Carboni che parteggia per la scuola del QCCT, ovvero Qualunque Cosa Come Tale può essere considerata, sotto molteplici aspetti, un'opera d'arte. Il punto di riferimento di tante considerazioni è ovviamente Duchamp e l'assunzione dell'oggetto comune ad opera d'arte. Una conversazione piacevole e mai scontata parlando di arte in una serata mantovana.

1Luoghi collegati