08/09/2007

Simonetta Agnello Hornby con Stefania Bertola

2007_09_08_140

Dopo l'esordio con "La mennulara" e la conferma del suo grande talento narrativo con "La zia marchesa", Simonetta Agnello Hornby torna a raccontare i complessi legami familiari, ambientando questa volta la vicenda nella Sicilia contemporanea ("Boccamurata"). Di segreti di famiglia, del ruolo delle donne e dell'origine delle sue storie parla con la scrittrice brillante Stefania Bertola.


English version not available

Italiano

Un ritardo della British Airways all'aeroporto di Roma e la vita ha fatto di Simonetta Agnello Hornby la scrittrice che ha scalato le classifiche mondiali con "La mennulara". «È come se avessi visto un film, con attori e tutto, al punto che, quando sono tornata a casa, ho iniziato a scrivere convinta di stare scrivendo la trama di un film», ha confessato la Hornby questo pomeriggio a Palazzo San Sebastiano al suo pubblico incredulo. Intervistata da Stefania Bertola ha raccontato di sé, del suo lavoro a Londra come avvocato dei minori e di come sono nate le sue opere. In particolare si è parlato molto di "Boccamurata", il suo ultimo libro, che, come "La mennulara", è stato concepito all'aeroporto (di Amburgo, questa volta). Al contrario de "La zia marchesa", secondo volume della trilogia, "Boccamurata" non ha legami con la storia personale dell'autrice; tuttavia, come i primi due, è una storia che ha per protagonista una donna ed è ambientata nella Sicilia dei giorni nostri. Non è stato rivelato molto di più in merito alla trama di questo ultimo romanzo, ma chi ancora non ha avuto l'occasione di leggerlo lo farà sicuramente dopo essere stato affascinato dall'eleganza e dall'onestà di questa scrittrice, che ha saputo narrare le sue storie con l'intensità e la precisione di linguaggio dei libri di una volta.

1Luoghi collegati

1Enti correlati