09/09/2007

John Banville con Enrico Franceschini

2007_09_09_181

Considerato un vero maestro di stile della lingua inglese, Banville, con i suoi romanzi, perfetti esempi di equilibrio tra una scrittura precisa e raffinata e un sottile umorismo nero, spazia dai racconti a sfondo scientifico ("Keplero") al noir ("Dove è sempre notte"), dal romanzo nostalgico ("Il mare") alle memorie ("Ritratti di Praga"). Lo scrittore irlandese dialoga con il giornalista e scrittore Enrico Franceschini.


English version not available

Italiano
Inglese

Vincitore del Booker Prize nel 2005 con Il mare, lo scrittore irlandese John Banville ha presentato questa mattina al Palazzo San Sebastiano il suo ultimo libro "Dove è sempre notte", intervistato dal giornalista e scrittore Enrico Franceschini, corrispondente da Londra per "La Repubblica". Quest'opera si differenzia moltissimo dalle precedenti perché si tratta di un giallo: «avevo bisogno di un radicale cambiamento nel mio stile di scrittura», spiega Banville. In Inghilterra il libro è stato addirittura pubblicato con uno pseudonimo, per far capire ai lettori più affezionati che aveva scritto qualcosa di veramente diverso. I libri di Banville appaiono spesso al pubblico come oscuri e difficili, ma a lui sembrano estremamente chiari: gli piace moltissimo Simenon, dal quale prende ispirazione, anche se questi scrive in modo totalmente diverso, con un vocabolario molto più ristretto rispetto ai sofisticati noir di Banville. È uno scrittore che ha raggiunto livelli letterari altissimi, nonostante questo con convinzione ci dice «quando scrivo un noir, mi sento un artigiano, guardo ai miei scritti come a pezzi di artigianato, che sono i più belli di tutti, ma mai abbastanza belli per me».

1Luoghi collegati

1Enti correlati