05/09/2008

Leonardo Padura Fuentes con Paolo Zaccagnini


2008_09_05_080

«Quando ho deciso di scrivere letteratura poliziesca, l'ho fatto pensando che è un mezzo molto adatto per la critica sociale. La letteratura poliziesca ci connette con i lati oscuri della realtà umana». Giornalista e narratore cubano, Leonardo Padura Fuentes racconta, attraverso le vicende del tenente Mario Conde, la contraddittoria realtà del suo Paese: la malinconia e il disincanto della gente, la sensualità e lo squallore dell'Avana, la corruzione del potere, la diffusa tentazione dell'esilio. Con l'autore di "La nebbia del passato" dialoga il giornalista Paolo Zaccagnini.


English version not available

Italiano
Spagnolo

Leonardo Padura Fuentes non crea i personaggi dei suoi libri, ci dialoga, ci litiga e chiede loro per favore di comportarsi in modo da consentirgli di poterne scrivere. Quando gli si chiede come mai i suoi libri siano così letti in quasi tutti i paesi del mondo lui non ha esitazioni: è una questione umanissima, è perché l' essenza dei nostri sentimenti è universale. La sua Cuba non è solo la degenerazione di un' utopia ma è soprattutto un luogo fatto di persone, dove i poliziotti si dimettono dal loro incarico per vendere libri vecchi e sono contenti così. << Come si è avvicinato alla scrittura? >> gli domanda uno spettatore. << Leggendo>> risponde lui, << e ogni libro mi sembrava più straordinario del precedente, e la letteratura è una cosa meravigliosa! >> .

1Luoghi collegati

1Enti correlati