07/09/2008

MILANO


2008_09_07_206

Le grandi mutazioni dell'epoca contemporanea passano per le nostre città, o meglio le ridefiniscono, ne cambiano le componenti sociali e il modo di essere comunità. Milano è stata per anni una città di riferimento, un punto di attrazione grazie alla positiva interazione tra grande borghesia, botteghe artigiane e ceti operai. E oggi? Secondo Aldo Bonomi, sociologo e direttore dello studio Aaster, la frammentazione è più netta, le provenienze delle varie componenti più lontane e la definizione dei ruoli produttivi ed economici più fluida. Una città laboratorio che può dirci molto dell'Italia di domani.


English version not available

Italiano

Non disponibile

1Persone correlate

1Luoghi collegati

1Rassegne e temi correlati