13/09/2009

Anne Michaels con Lella Costa


2009_09_13_181

Per dieci anni Anne Michaels, scrittrice e musicista canadese, ha tenuto accanto a sé il manoscritto del suo primo romanzo prima di decidere di pubblicarlo. Da subito, "In fuga" ha conosciuto uno straordinario successo di pubblico in Canada e in vari Paesi europei, aggiudicandosi importanti riconoscimenti internazionali. Storia di salvazione e di rinascita, di amoroso attaccamento alla vita, collante e lievito per le nuove generazioni, il libro percorre la seconda metà del Novecento, dalla stagione delle persecuzioni naziste fino ai giorni nostri. Dopo "In fuga" Anne Michaels ha pubblicato diverse raccolte di poesie e un secondo romanzo, "La cripta d'inverno", recentemente uscito in Italia. La incontra Lella Costa.


English version not available

Inglese
Italiano

Anne Michaels emette luce. Il suo aspetto esprime tenerezza e grazia. Lella Costa la introduce, sottolineando come il luogo comune voglia che le scrittrici donne scrivano autobiografie. Non è il caso di Anne Michaels, la cui opera ha un grande senso di responsabilità e una forte valenza politica riuscendo a cogliere «il particolare disperso nell'universale». Una grande lezione che emerge dai suoi scritti è che non si fanno battaglie solo per combattere le proprie cause, ma che ci sono questioni collettive per le quali ogni essere umano deve lottare. La scrittrice parla poi con dolcezza del suo ruolo di madre, che svolge di giorno, lontana dalla scrittura, che esercita di notte perché «i bambini riescono a sentire i nostri pensieri e non è il caso di svolgere contemporaneamente i due compiti». Infine, la lettura di una poesia dal libro "Quello che la luce insegna. Poesie" desta la curiosità del pubblico, lasciando in chi non l'ha letto il cocente desiderio di divorarlo.

1Luoghi collegati

1Enti correlati