10/09/2010 - Voci d'autore del Novecento

DALLA MENSA OLIVETTI


2010_09_10_VA1815

La cultura come strumento di crescita personale e di emancipazione sociale: questa è l'idea che porta Adriano Olivetti a promuovere all'interno della sua azienda un programma di iniziative culturali a favore dei propri dipendenti. Il Centro Culturale Olivetti dal 1950 al 1964 organizza centinaia tra incontri, concerti, mostre d'arte e conferenze. Alla sera o durante la pausa pranzo, intellettuali come Vittorini, Pasolini, De Filippo, Eco, Musatti e molti altri parlavano di letteratura, teatro, di temi di attualità politica, dando vita a dibattiti accesi e partecipati. Giuseppe Lupo, italianista e curatore di "Civitas Hominum" di Olivetti, racconta quella straordinaria stagione, ad oggi ancora inimitata. Lo intervista il giornalista Luciano Minerva.


English version not available

Italiano

Nella piccola chiesa di Santa Maria della Vittoria, Luciano Minerva e Giuseppe Lupo ricordano la figura di Adriano Olivetti, fondatore di un modello aziendale innovativo impostosi durante il Ventennio come alternativa unica (in Italia e non solo) nel sistema industriale e produttivo, capace di durare fino agli anni '50 e d'essere in grado di competere a livello mondiale nel campo elettronico.
Centrali nell'incontro l'invenzione di un accattivante linguaggio pubblicitario, nel 1937, la trasformazione della fabbrica da anonima a «trasparente» (aggettivo architettonico in senso stretto poiché la fabbrica di Ivrea fu costruita in vetro da Figini e Pollini) e altresì simbolico di un'idea di lavoro che appare nell'epoca odierna post-industriale del tutto dimenticata; e infine il concetto utopico di «fabbrica per gli uomini» che vede una stretta connessione tra la comunità e l'ambiente di lavoro. «Olivetti era un matto» affermava Cesare Musatti, e infatti nella sua fabbrica all'avanguardia convivevano esperienza, sperimentazione e creatività, espressa soprattutto dalle idee di architetti, filosofi e poeti chiamati da lui stesso a ricoprire ruoli di responsabilità.
Ma, come si ricorda dal pubblico, l'ultimo e forse più importante vanto dell'esperienza Olivetti riguarda gli operai, quei lavoratori per i quali questo padrone è riuscito a costruire un degno, valido ed altro «modello sociale».

1Luoghi collegati