11/09/2010 - Annali di storia

I COMUNI SONO LA NAZIONE NEL PIÙ INTIMO ASILO DELLA SUA LIBERTÀ

2010_09_11_143

Nel fervore delle idee e delle battaglie risorgimentali la posizione di Carlo Cattaneo risulta senza dubbio minoritaria. Le sue riflessioni sull'intima connessione tra libertà e federalismo («Libertà è repubblica; e repubblica è pluralità, ossia federazione») e sulla centralità del ruolo dei comuni nella storia italiana non solo per l'impulso all'iniziativa economica e alla crescita culturale, ma come cellula prima e più autentica di partecipazione democratica, si ripropongono oggi come più che mai attuali, in un momento in cui il federalismo viene invocato in chiave anti-unitaria e si ripensa alla dimensione locale come possibile laboratorio politico per superare la crisi del sistema di rappresentanza che attraversa il nostro paese.


Sempre più di frequente ci sentiamo spiazzati di fronte agli eventi di oggi, come se fossero totalmente «nuovi». Uno sguardo a quanto è successo solo pochi decenni fa può invece risultare di grande aiuto per capire quello che stiamo vivendo. Con gli "Annali di storia", Festivaletteratura propone la lettura di alcune questioni del mondo contemporaneo alla luce di documenti e testimonianze del recente passato.

English version not available

Italiano

Al Seminario Vescovile ha avuto luogo l'incontro con lo storico scrittore e insegnate inglese Paul Ginsborg.
"I comuni sono la nazione nel più intimo asilo della sua libertà".
«Non era il mio titolo, ma i redattori di Festivaletteratura sono stati bravi nel prendere questa mia bella frase che sintetizza perfettamente il mio messaggio». «Bisogna capire la storia, come voi correggete i testi, anche molti storici sono bugiardi».
È stato trattato l'attuale tema del federalismo, ma non quello incerto, etnico del partito della Lega, bensì un'organizzazione territoriale che ascolta i cittadini, per non perdere così tutte le sottili e raffinate differenze del nostro Paese.
Una idea di Piccoli Stati Uniti d'Italia che aveva Carlo Cattaneo, figura sconfitta e abbattuta del Risorgimento, del quale Ginsborg analizza le idee nei suoi preziosi frammenti scritti che ci ha lasciato.
Il pubblico è intervenuto in maniera attenta con domande sul presente, comprendendo con il nostro passato.
L'intelligente e simpatico professore ha ricevuto applausi a scena aperta.

1Luoghi collegati