11/09/2010

David Peace con Pietro Cheli

2010_09_11_166

David Peace si è imposto all'attenzione della critica con "Red Riding Quartet", una claustrofobica tetralogia sugli spietati delitti dello Squartatore dello Yorkshire, che gli è valso nel 2003 l'inserimento nella lista dei migliori giovani scrittori della Gran Bretagna stilata dalla rivista "Granta". "Tokyo anno zero" e "Tokyo città occupata" sono i primi due capitoli di una nuova trilogia dove la struttura noir è al servizio del racconto storico della città giapponese sprofondata al suo grado zero al termine della guerra. Peace dialoga con il giornalista Pietro Cheli.


English version not available

Italiano
Inglese

Maglietta non a caso nera per David Peace a Festivaletteratura, scrittore serio e attento che ha intrattenuto il pubblico sabato alle 18:30 a Palazzo D'Arco.
«Un grande del genere noir», così introdotto dal noto giornalista Pietro Cheli, sempre simpatico nel cercar di sdrammatizzare le storie squallide e corrotte prese in esame.
Lo scrittore inglese che dallo Yorkshire oggi vive e insegna inglese a Tokyo «prendevo il sussidio per la disoccupazione» dice «a Manchester non mi volevano, così scelsi di andare a Istanbul e poi nel tempio economico di Tokyo» è stato d'accordo con le considerazioni di Cheli.
«C'è un'ambiguità tra il bene e il male nelle sue storie» afferma il giornalista, «un grigiore dove nessuno è completamente buono, nessuno completamente cattivo».
I personaggi nei suoi libri ci parlano con brevi frasi, come pennellate impressioniste, proprie di Peace.
E tra le sfumature l'autore ci narra la storia, d'Inghilterra prima, giapponese poi.
I suoi diventano una sorta di romanzi sociali, indagini a carico dell'artista: «Mi piace che il lettore rifletta».

1Luoghi collegati