08/09/2011

UNO SCONTRO TRA IMPERI. La battaglia di Lepanto prima e dopo la battaglia

2011_09_08_036

Il grande trionfo della croce, la vittoria che ha salvato l'occidente dall'invasione dei musulmani. La battaglia di Lepanto, vinta dalla Santa Lega contro la flotta del turco nel 1571, fu soprattutto un grande successo di propaganda, cavalcato per secoli dall'Europa cattolica; molto più modesta la sua reale rilevanza dal punto di vista strategico e militare. Alessandro Barbero ("Lepanto. La battaglia dei tre imperi"), al di là dell'evento militare, ci mostra la guerra come grande macchina che si mette in movimento più di un anno prima: trattative diplomatiche giocate su più tavoli, reperimento di risorse economiche, immensi apparati alla disperata ricerca di legna, pece, rematori, soldati, derrate alimentari per affrontare il conflitto. Imperi molto simili tra loro che aspirano al controllo del Mediterraneo e che, tra i vari odi religiosi che li attraversano, scelgono di puntare su quello più funzionale ai nuovi interessi.

English version not available

Italiano

«Lepanto è stata la più grande battaglia navale della storia, non è più successo che tanti uomini morissero e si dessero battaglia in mare». Alessandro Barbero, nel suo secondo incontro con il pubblico di Festivaletteratura a Palazzo San Sebastiano, svela la reale portata dell'evento bellico culminato con la battaglia marittima del 7 ottobre 1571. In un excursus storico appassionante e coinvolgente Barbero smonta in parte il mito di Lepanto: la battaglia che ha salvato l'occidente dai turchi e lo scontro tra la civiltà cristiana e musulmana; luoghi comuni, con un fondo di verità, certo, che hanno comunque offuscato il reale valore dell'evento.
Il pubblico viene accompagnato dentro le vicende di una guerra che ha coinvolto le grandi potenze mediterranee dell'epoca (Venezia, Spagna e Impero Ottomano), esce dalla storia tradizionale e si addentra in una serie di aneddoti preziosi che lo aiutano a cogliere il contesto storico della metà del '500. Attraverso le testimonianze epistolari dei protagonisti principali, Barbero ha raccontato le storie personali che hanno fatto da sfondo al grande evento. Una platea ricettiva e particolarmente attiva non avrebbe voluto lasciare facilmente l'incontro, intervenendo con numerose e intelligenti domande. Alessandro Barbero è maestro nel far emergere il vero fascino della storia, trascinandola fuori dal paludato mondo accademico e facendone dono, al meglio, agli appassionati.

1Persone correlate

1Luoghi collegati