08/09/2011

Franco Buffoni con Nella Roveri

2011_09_08_078

Franco Buffoni vive a Roma ed è professore ordinario di Critica letteraria e Letterature comparate. Teatro e poesia del '900 anglo-americano sono oggetto dei suoi studi attuali. Tra le ultime raccolte di poesia, "Noi e loro" (2008) e "Roma" (2009) suggeriscono una duplice possibilità di lettura: l'attenzione al presente e al modello di civiltà che propone e il fascino della cifra poetica, in tutta la sua raffinata attrezzatura intellettuale. «Com'era il mondo dove sbarcò Enea / Al di sotto del piano di campagna?», si domanda l'autore, «vecchio longobardo assente» che spaesato si avvia alla scoperta della città eterna. Lo incontra Nella Roveri.

English version not available

Italiano

La poesia e la musica unite per intrattenere piacevolmente la serata di ieri. I versi di Franco Buffoni, poeta e docente che si occupa di scrittura critica, sono stati accompagnati da sottili note alla chitarra e dall'attenzione assorta del pubblico presente, raccolto attorno alla voce e ai temi di Buffoni.
La famiglia, il ruolo di zio, le barriere e le incomprensioni sociali, gli opposti che s'incontrano e scontrano nella quotidianità (eterosessuali / omosessuali, extracomunitari / cittadini, giovani /anziani). Il poeta è diventato un tutt'uno con le menti più sottili, sensibili e vicine all'anima delle persone, al loro vissuto nella maestosità di Roma, la città raccontata ed amata da Buffoni che, come Pasolini e Penna, è a un tempo amata e terribile. Una vera musa. Le letture e la musica, cooperando, hanno permesso che l'atmosfera diventasse intensa e quasi sognante, poiché «il grande vantaggio della musica rispetto alla poesia è che non ha bisogno di essere tradotta».

1Luoghi collegati