09/09/2011

MEMORIE DAL BLOOMSBURY GROUP

2011_09_09_138

Angelica Garnett, figlia della sorella di Virginia Woolf Vanessa Bell, trascorse la sua infanzia tra le conversazioni intellettuali del Bloomsbury Group. Da qui nacque la sua poliedrica vocazione artistica: studiò recitazione, si dedicò al disegno, alla pittura, all'illustrazione e alla decorazione. Alla letteratura è arrivata nel 1995 con Ingannata con dolcezza, con cui ha vinto numerosi premi, tra cui il J.R. Ackerley per la migliore autobiografia. Con il suo ultimo libro, "La verità nascosta", prosegue nel suo personale viaggio nella memoria, mescolando verità e finzione per restituirci con maggiore forza evocativa un'irripetibile stagione dello spirito.

L'evento 138 ha subito variazioni rispetto a quanto riportato sul programma. Originariamente il suo svolgimento era previsto presso la Chiesa di Santa Maria della Vittoria.

English version not available

Italiano
Inglese

Angelica Garnett, nipote di una delle migliori scrittrici del Novecento, Virginia Woolf, e figlia di Vanessa Bell, è arrivata al Festivaletteratura per parlare al pubblico della sua vita, della ricchezza intellettuale del Bloomsbury Group e della stimolante creatività di appartenere a una famiglia inglese così importante.
Minuta, timida, quasi schiva, Angelica Garnett ha sfruttato varie capacità artistiche (violino, scultura, pittura) per poi approdare alla scrittura dopo un lungo e riflessivo travaglio interiore. Avere alle spalle Virginia Woolf, il suo innegabile talento e la sua tormentata bravura, non è stato assolutamente facile da superare. Un ostacolo che ha impiegato sette anni ad essere superato e a diventare le sue memorie di una famiglia inserita nell'ambiente intellettuale più fervido dell'Inghilterra del primo Novecento. Incalzata dal suo pubblico a riportare alla luce i ricordi dei personaggi più ai margini, come Leonard Woolf, marito di Virginia, che Angelica ha amato e stimato moltissimo fin dall'infanzia.

1Luoghi collegati