11/09/2011

Paco Roca con Fabio Geda

2011_09_11_270

Chi ha detto che immaginari dark e supereroi siano i soli ingredienti di una buona graphic novel? L'arte di Paco Roca è l'esatta dimostrazione di come questo genere narrativo, entrato a pieno diritto nella 'letteratura alta', abbia smentito i facili cliché dei suoi detrattori e stia godendo di una straordinaria vitalità. Basta osservare la maestria con cui l'artista spagnolo ricostruisce le brutture del regime franchista ne "L'inverno del disegnatore", o la delicatezza con cui racconta il viaggio di un malato di Alzheimer in "Rughe", per capire che non ci troviamo di fronte a un semplice vignettista, ma a un autentico poeta dell'immagine. Lo presenta Fabio Geda ("Nel mare ci sono i coccodrilli").

L'evento 270 ha subito variazioni rispetto a quanto riportato sul programma. Originariamente il suo svolgimento era previsto presso l'Aula Magna dell'Università.

English version not available

Italiano
Spagnolo

La prima impressione che si ha del fumettista spagnolo Paco Roca è quella di un artista solitario. Cresciuto a suon di pagine sfogliate di nascosto durante le partite di calcio giocate dai suoi coetanei, Roca aveva mito non tanto del supereroe in 'carta e ossa', ma proprio del fumettista. Attraverso una breve ricostruzione della storia del fumetto, dagli anni Cinquanta agli Ottanta, Roca, assieme a Fabio Geda, traccia le differenze tra il 'comic', tradizionalmente inteso, e la 'graphic novel', ormai imperante nel mondo dei disegni su carta. La ieraticità, talvolta stucchevole, e la prevedibilità di molti fumetti 'datati', quali Tin Tin o Dylan Dog, i cui personaggi sono statici e immutati nel tempo e le storie sono autoconclusive, si contrappongono al dinamismo e alla non-ripetitività della 'graphic novel'. 'Novel' significa letteralmente 'romanzo': dunque il passaggio da 'comic' a 'graphic novel' non è semplicemente un cambio di nome, ma di significato. Anche il fumetto, in conclusione, assurge allo stato di romanzo.

1Luoghi collegati

1Enti correlati