11/09/2011

CUORE D'AVVENTURIERO

2011_09_11_273

dagli 11 ai 15 anni

Ci sono le descrizioni fantastiche di terre e città che Pierdomenico Baccalario ha lasciato nei suoi romanzi: la città perfetta di Cyboria, la Tarkaan dei terribili guerrieri, il 'posto più lontano che c'è' di Maydala Express e molti altri ancora. E ci sono le foto che ha fatto in Islanda, Mali, Burkina Faso, Tajikistan, Kazakistan e in altri paesi del mondo durante i suoi viaggi. Del resto, quando una persona si lascia trascinare dal proprio spirito d'avventura, che differenza fa se i suoi viaggi sono veri o inventati? Lo intervista il libraio Guido Affini.

English version not available

Italiano

Orme sulla sabbia, la schiuma sulla sabbia viscida, il silenzio della cima di una montagna innevata; l'impossibile certezza di ritrovare se stessi negli imprevedibili e sorprendenti paesaggi del nostro pianeta. Un viaggio tra i piccoli 'castelli di carte' costituiti dalle idee di Pierdomenico Baccalario, intervistato dal libraio Guido Affini a Palazzo del Mago; tra le steppe del Kazakistan, le strade sul lago Plitvice della Croazia (attraverso paesaggi tipici dell'Amazzonia caratterizzati dall'acqua cristallina e dalla fauna più rigogliosa d'Europa) e il traffico di Lisbona. Ma è preferibile scegliere le strade impossibili e inesistenti del deserto o quelle ordinate della città? O addirittura perché non inventarne in luoghi inesistenti? Tutto ciò in un dialogo con il pubblico affascinante ed originale, per lasciarsi trascinare dal proprio spirito d'avventura e catturare dalla propria immaginazione.

1Luoghi collegati

1Enti correlati