06/09/2012

ADOLESCENTI SI NASCE

2012_09_06_018

bambini e adulti dai 14 anni in su

«Gli adolescenti sono esattamente come gli adulti. Alcuni sono molto riflessivi, altri per niente. A me interessano le persone che vogliono pensare. I miei personaggi si ispirano ad adolescenti che ho incontrato, adolescenti che sono chiaramente dei pensatori e che amano essere portati a pensare. E si basano su di me adolescente, quando ero costantemente interessato alle idee e curioso di capire perché la gente si comportava nel modo in cui si comportava. Sono ancora così. Mi pare che pensare alla vita sia qualcosa che interessi agli adolescenti tanto quanto interessa loro il sesso. Nello scrivere un romanzo su un adolescente non puoi lasciare fuori il sesso - è troppo importante - e non puoi lasciare fuori la 'pensierosità' perché altrettanto importante del sesso a quell'età». Il più amato autore degli adolescenti ("Kissing game", "Muoio dalla voglia di conoscerti") si racconta e si confronta con i suoi lettori.

English version not available

Italiano
Inglese

Eterno ragazzo, Aidan Chambers. Dialoga con il pubblico, coinvolge; ci racconta di sé, della sua infanzia, della sua famiglia e così lascia a pensare adulti e ragazzi.
Settantotto anni ora, molteplici libri di successo come "Questo è tutto" e "Danza sulla mia tomba", con una piccola dislessia che lo costringe ad avvicinarsi all'analfabetismo nell'infanzia; fino al quindicesimo anno d'età, quando scopre l'amore per la lettura e la scrittura e si impegna in un libro che non pubblica. Odia la matematica, perché la ritiene senza senso; scrive di argomenti difficili e spinosi, come la maternità precoce e il sesso, e per questo alcuni lo criticano, ritenendolo troppo schietto. Con voce vispa e intrigante, ci trasporta alla scoperta della sua esperienza matrimoniale, nel suo vivere scrivendo di adolescenti, lasciando entrare dentro sé, ma anche dentro noi ascoltatori, ogni personaggio. Le domande sorgono nella testa di ogni spettatore e lui risponde senza esitare, stupendo tutti con la sua vivacità e originalità.
Il pubblico ride, perché lui è irriverente e divertente: è giovane. Accompagnato da frequenti applausi, Chambers si lascia andare con aneddoti spiritosi, insegnando ai ragazzi, ma anche agli adulti, che mai e poi mai bisogna sentirsi soli, nemmeno quando dentro la nostra testa i pensieri sembrano non starci più. Ognuno di noi cresce, questo è vero, ma l'animo resta: e lui ne è la chiara dimostrazione.

1Luoghi collegati