09/09/2012

ABITO, RACCONTA. Laboratorio per adulti

2012_09_09_185

Un abito ci dice sempre molto della persona che lo indossa: non sempre però riesce a raccontarci quali sono le sue letture preferite. Il vestito che i partecipanti al workshop progetteranno con la designer di moda Nanni Strada sarà un vero e proprio abito-libro, in cui ciascuno potrà disegnare il proprio percorso poetico su un mappa/modello di carta velina che servirà per la realizzazione del vestito. Chi vuole può partecipare al laboratorio portando il proprio computer (l'uso del computer è facoltativo).

English version not available

Italiano

Quando l'ho intervistata, Nanni Strada era assolutamente a suo agio. Quando le ho chiesto se volesse leggere le domande, mi disse «No, grazie», puntando tutto sulla spontaneità dell'intervista. Alle nostre spalle era appeso il suo "Mappamodello": un'opera caotica, complessa. Astratta a prima vista, ma concreta quando si inizia a conoscerla. L'aggrovigliarsi di linee colorate compone sentieri geometrici, dripping calcolati, non lasciati al caso. All'interno del "Mappamodello", Nanni Strada ha voluto sintetizzare tutti i modelli possibili per creare un abito. Al suo interno sono visibili i progetti che la designer ha realizzato durante la sua prolifica carriera. Una summa, dunque, di esperienze artistiche condensate in un grande foglio apparentemente informe. La prima volta che ho visto il "Mappamodello" la mia mente è andata subito a quella magnifica opera di Marcel Duchamp, "Museo in valigia", che racchiude una parte consistente della sua produzione artistica, dalla riproduzione in scala del "Grande vetro" al più noto modellino dell'orinatoio. Quando ho fatto notare questa somiglianza a Nanni Strada, lei ha sorriso. «Non me la sento di accostare una mia creazione a quella del genio Duchamp», disse. Ma poi ha confermato il fatto che entrambe le opere funzionano nello stesso modo, entrambe sono una riflessione sulle esperienze passate. In Duchamp quella di creare un museo portatile scardinava e criticava ironicamente l'istituzione museale. In Nanni Strada il progetto è finalizzato a creare un numero infinito di creazioni. Da parte di tutti. E proprio questa 'messa in pratica' di un progetto fondamentalmente concettuale è stata attuata questa mattina presso le Sale del Capitano di Palazzo Ducale. Forbici, veline e stoffe sono state le protagoniste di questo workshop tutto al femminile tenuto dalla designer. Nanni Strada insegna al Politecnico di Milano, dunque la pedagogia è suo pane quotidiano. E, proprio per questo, il workshop è stato un grande successo. E' il caso dire, quindi, che l'abito fa il monaco.

1Persone correlate

1Luoghi collegati

1Enti correlati