07/09/2013

DECLINAZIONI DEL FANTASY

2013_09_07_141

bambini e adulti dagli 11 anni in su

Da dove arriva Harry Potter? Da dove nasce l'odierna fama di maghi, maghetti e personaggi tanto strani, quanto affascinanti? Facendo qualche passo indietro, la mitologia greca e i suoi eroi hanno sempre ispirato la letteratura fantastica e appassionato intere generazioni di piccoli e grandi lettori. Questo percorso è comune anche alle scrittrici protagoniste dell'incontro: Josephine Angelini, autrice della trilogia "The Awakening Series", il cui esordio narrativo ("Starcrossed") ha avuto molto successo e Luisa Mattia, dalla cui penna sono nati numerosi romanzi per ragazzi ("Benvenuti sull'Olimpo"; "I Mitici!"; "Merlino"). Un'autrice americana e una italiana si fronteggiano a colpi di storie, personaggi, incantesimi, ambientazioni per fare il punto sul genere fantasy insieme all'esperta Chiara Codecà.

English version not available

Italiano
Inglese

Fantasy. Quante volte abbiamo sentito parlare di vampiri, zombie, maghi, antichi greci, streghe, lupi mannari...? Nei fantasy troviamo bambini, ragazzi e adolescenti che si trovano a contatto con un mondo piú grande di loro. Questo ci hanno raccontato stamattina le scrittrici Luisa Mattia e Josephine Angelini. È stato un continuo scambio di pareri, opinioni e punti di vista. Il fantasy è un genere letterario che ha sempre affascinato gli uomini, fin dall'inizio, che affascina e che probabilmente continuerà a farlo. Ma come mai? «Penso che la società stia cambiano molto velocemente, ma che in realtà noi, nel profondo, siamo come i nostri antenati. Ci piace raccontare storie, siamo curiosi e ognuno fantastica o addirittura cerca di trovare qualche spiegazione a fatti strani. Sono sempre le stesse storie che si raccontavano attorno al fuoco, la sera. Alla base di tutto sta la necessità di raccontare storie» ha spiegato Luisa Mattia. Abbiamo anche discusso sulla citazione «Il fantasy non è una fuga dalla realtà, ma il modo in cui la comprendiamo». Molto spesso ci immergiamo in un libro di questo genere, volendo in qualche modo fuggire dalla nostra realtà, noiosa, monotona, o non particolarmente interessante. Vogliamo trovare un punto di sbocco per 'spiccare il volo'. In verità è soltanto il nostro desiderio di comprendere meglio la realtà, e il fantasy, in questo, ci aiuta. «Ci sono libri che ci fanno venire voglia di scrivere, o di continuare a farlo se già ci stiamo provando».

1Luoghi collegati