05/09/2014

IL FUTURO È UN GENE STREGATTO

2014_09_05_118

«Niente è certo», si ripete uno dei protagonisti del romanzo La ragazza meccanica, tanto meno in un secolo in cui i combustibili fossili sono un lontano ricordo, in cui la contrazione economica ha sovvertito l'ordine mondiale e in cui spregiudicate aziende caloriche provocano lotte fratricide e terribili mutazioni nel tentativo di accaparrarsi il bene più prezioso del futuro: le varianti genetiche di cibi e sementi. Nel confronto tra Tullio Avoledo e Paolo Bacigalupi, uno dei più talentuosi giovani narratori nordamericani, la migliore letteratura fantascientifica si fonde con l'ecologia e torna a imporsi come uno strumento imprescindibile per decifrare il presente.

English version not available

Italiano
Inglese

L'evento è stato seguito in diretta su Twitter

1Luoghi collegati