06/09/2014

UN'ARMA PER LE MASSE

2014_09_06_149

Il nome di Michail Kalanikov sarà sempre legato a quello della sua micidiale invenzione, l'AK-47, altrimenti noto come Avtomat Kalanikova. Nato dopo gli orrori della Seconda guerra mondiale, il fucile d'assalto diviene il simbolo globale dell'emancipazione dei popoli e della lotta contro gli oppressori, ma anche l'oggetto del desiderio di mercanti d'armi e dittatori. «Dietro quella sigla austera non c'era soltanto l'inventiva di un giovane costruttore sovietico» ma l'aberrazione di un secolo. E solo un narratore di prima razza come Oliver Rohe (La mia ultima invenzione è una trappola per talpe), poteva elaborare da una vicenda così oscura un poetico intreccio tra saggio e biografia. Ne parla insieme al cofondatore e presidente onorario di Lettera22 Emanuele Giordana.

English version not available

Italiano
Francese

Sabato pomeriggio presso il Conservatorio di musica "Campiani", il giovane scrittore di origini libanesi Oliver Rohe ha presentato il suo libro "La mia ultima invenzione è una trappola per talpe". Dialogando con Emanuele Giordana, Rohe ha ripercorso le tappe della vita di Michail Kalasnikov, che hanno portato alla costruzione e al perfezionamento dell'arma universalmente nota come AK-47 (Avtomat Kalasnikova) e ha riflettuto sulle implicazioni che l'invenzione di tale arma ha avuto a livello mondiale. La riflessione di Rohe riguarda la diffusione universale dell'AK-47, anche nei paesi occidentali pacifici e in cui non ci sono guerre in atto. Non solo: il Kalasnikov appare prepotentemente nei film, alla TV, sulla stampa, nei videogiochi e, di conseguenza, nell'immaginario degli occidentali. Da questa constatazione sorge spontanea una domanda: come mai tolleriamo la presenza dell'AK-47? Nel vissuto personale di Rohe, nato a Beirut durante gli anni della guerra civile, il Kalasnikov non ha rivestito un ruolo soltanto nella dimensione dell'immaginario, bensì è stato fisicamente presente. Al suo trasferimento in Francia si è stupito di trovarlo anche lì. Attorno a quest'arma si è creato, col passare del tempo, quasi un mito: tutto il mondo sa com'è fatta ed è vista da diverse prospettive, secondo i grandi eventi della storia sino al suo uso nella vita quotidiana. Infatti il Kalasnikov racconta bene la storia del '900: fucile d'assalto inventato per combattere il nazismo e utilizzato successivamente per la propaganda comunista, ha infine perso la sua aurea ideologica dopo la caduta del muro di Berlino. Inoltre, ciò che ha spinto Michail Kalasnikov a perfezionare per molti anni il suo fucile, non è stata solo una ragione funzionale ma anche un obiettivo estetico; è un'arma bella da vedere, oltre che straordinariamente potente, tanto che - ha detto Rohe - ha una linea quasi vintage.  Nel libro vengono raccontati due episodi significativi, che mostrano la profonda attrazione di Kalasnikov per le armi; dopo aver sfornato e assemblato per la prima volta l'arma, il suo profumo d'acero era così inebriante da richiamare in qualche modo una forma di erotismo. Analogamente, ogniqualvolta avvenga un incontro tra lui e un'arma da fuoco, l'attrazione che prova è quasi carnale.

1Luoghi collegati