13/09/2015

LA SOLITUDINE DEL PREMIO NOBEL PRIMA DELLA CERIMONIA

2015_09_13_258

Divertimento teatrale per voce femminilecon Laura Curino e la partecipazione di Massimiano Bucchi

testo di Massimiano Bucchi

Il professor Witzocker, svegliato all'alba nel suo letto dalla telefonata dell'Accademia delle Scienze di Svezia che gli annuncia il premio Nobel, muore d'infarto. Poiché il premio ormai è stato annunciato, la moglie Mara si trova costretta a sostituirlo nella tradizionale cerimonia di Stoccolma e nel relativo discorso ufficiale. A Stoccolma, in una lussuosa stanza d'albergo, Mara si prepara sull'articolo scientifico per cui il marito ha ricevuto il premio. E studiando l'articolo al tempo stesso ripercorre la propria vita: dal titolo all'abstract, fino alle conclusioni. La interrompono, di tanto in tanto, le telefonate di figli, parenti e conoscenti. Finché la donna scopre un errore, un errore nascosto nelle pieghe dello studio ma innegabile. Che fare? Confessare tutto e rinunciare al premio, danneggiando così la memoria del consorte? O sperare che l'attento uditorio di Stoccolma non si accorga dello sbaglio?

English version not available

Italiano

Non disponibile.

1Luoghi collegati

1Rassegne e temi correlati

1Enti correlati