10/09/2016

OMAGGIO A GIORGIO ORELLI

2016_09_10_167

Giorgio Orelli è stato senza dubbio il maggior poeta che il Ticino abbia avuto, uno dei più grandi in lingua italiana negli ultimi settant'anni. Autore di numerose raccolte poetiche - "Né bianco né viola", "L'ora del tempo", "Sinopie", "Spiracoli" - «Giorgio Orelli ci ha fatto capire» ha scritto Pietro De Marchi «che un soffio della vita vera può posarsi su quella cosa inerte che è una pagina bianca solo se il poeta asseconda i meriti del linguaggio e riesce, nei momenti di grazia, ad avvicinare il suono e il senso». Poeta dell'oggetto, grande sperimentatore della lingua e del verso senza mai esibirlo, «Orelli» ha scritto Pier Vincenzo Mengaldo «è un poeta che non assomiglia a nessun altro. È anche per questo che continuiamo a leggerlo, o piuttosto ad ascoltarlo, come a sentir discorrere rapiti un amico unico, che non mente». A ricordarlo sono gli amici Fabio Pusterla e Pietro De Marchi, curatore della recente edizione di "Tutte le poesie" del maestro ticinese. Con il contributo di Pro Helvetia, Fondazione Svizzera per la cultura.

English version not available

Italiano

Non disponibile.

1Luoghi collegati