09/09/2018

I CORTOCIRCUITI DI UNO SCRITTORE

2018_09_09_190

«Le storie servono a vivere meglio. Sono come piccoli manuali di sopravvivenza, di cui abbiamo necessità per affrontare la giungla di tutti i giorni. Ho sempre pensato che la scrittura sia in fondo questo, almeno per me: trasmettere al lettore una possibile, ulteriore via d'uscita, attraverso i corto-circuiti fra passato e presente». La narrazione è per Stefano Massini una vocazione autentica, che lo porta ad avvertire la presenza di storie e la loro potenza in eventi quotidiani, fatti di cronaca, vicende del passato con la sensibilità di un rabdomante. Da qui vengono le sue opere per il teatro diffuse in tutto il mondo, oppure i romanzi L'interpretatore dei sogni e Qualcosa sui Lehman, o ancora l'esplorazione saggistica di 55 giorni. L'Italia senza Moro: racconti che Massini riesce a ricreare dai materiali più diversi, come d'altra parte accade con i suoi settimanali racconti in televisione e sulla carta stampata: forme e linguaggi che si alternano, si intrecciano, si richiamano, con una libertà espressiva che conosce poche analogie nel panorama italiano.

English version not available

Italiano

1Persone correlate

1Luoghi collegati