08/09/2019

LA FOTOGRAFIA È UN HAIKU

2019_09_08_227

Il 2019 è stato un anno intenso per Lorenzo Tugnoli: ha vinto il World Press Photo (categoria General News, Stories) e si è aggiudicato il premio Pulitzer (sezione Feature Photography) con un servizio commissionato dal Washington Post sulla crisi umanitaria nello Yemen. Dal primo viaggio in Chiapas, passando per i lavori a Kabul e Beirut, il fotografo romagnolo ha sempre scattato senza dimenticare il rispetto per i soggetti ritratti, rifiutando la ricerca di immagini scandalistiche o forzatamente iconiche. Con l'obiettivo di mostrare le conseguenze dei conflitti sul territorio, Tugnoli ribadisce l'importanza di un'informazione corretta, che sia da stimolo ai media: «Quando racconto una storia in territori devastati dalla violenza cerco sempre immagini che riescano a comunicare la tragedia senza fare scandalo. Cerco la poesia, un elemento di mistero, un dettaglio che rimandi ad altro, alla vita prima della guerra». Insieme a Giulia Tornari, photo editor con cui ha collaborato in modo decisivo per la pubblicazione dei suoi lavori, Tugnoli dialoga con Ruggero Ughetti di Frammenti di fotografia.

English version not available

Italiano

1Luoghi collegati

2Rassegne e temi correlati