11/09/2020

VIAGGIARE CON LE PAROLE

2020_09_11_046

Gli scrittori sono abituati a farlo, affermava lo scorso aprile Tishani Doshi in un'intervista streaming con l'Università Ca' Foscari, eppure, in un periodo difficile come quello della quarantena, forte si è risvegliato il desiderio di connessione, che non fosse quella digitale: «siamo come in gabbia, costretti a interagire tra noi dietro a uno schermo». Non possiamo che essere felici allora di ospitare a Mantova, dopo ben dieci anni, l'autrice di Il piacere non può aspettare e del recentissimo Giorni e notti fatti di piccole cose, artista la cui anima si divide da sempre tra poesia, prosa, danza e giornalismo, tutti veicoli di quella connessione tanto necessaria con l'altro da sé. Vincitrice, con la sua prima raccolta di versi, del prestigioso Forward Poetry Prize, Doshi ha sempre saputo raccontare l'India contemporanea con autenticità, affrontando le grandi problematiche sociali e della questione femminile senza cedere alle fascinazioni da cartolina dell'immaginario beatlesiano o turistico. La incontra la giornalista e scrittrice Gaia Manzini.

L'autrice parlerà in inglese, con interpretazione consecutiva in italiano.

English version not available

Italiano
Inglese

1Luoghi collegati