Chandra, Vikram

Persona

Vikram Chandra è cresciuto nel leggendario Rajasthan e poi esposto alla cultura americana negli anni universitari. Attualmente vive tra Mumbai, nella sua nativa India, e Berkeley, dove insegna Scrittura Creativa all'Università. Appartiene alla schiera dei grandi narratori indiani in lingua inglese come Anita Desai e Salman Rushdie, del quale riprende la lezione inserendosi quindi nella grande tradizione orientale del racconto fantastico. Scrittore, giornalista ma anche programmatore di computer, ha vinto prestigiosi premi letterari e i suoi libri sono già stati tradotti in molte lingue. Il suo primo e fluviale romanzo, "Terra rossa e pioggia scrosciante", uscito nel 1995, ha suscitato grande clamore sia in India che negli Stati Uniti. La sua poetica rimanda alla tradizione orientale del romanzo fantastico (o poema) a cornice, di cui basterà citare i mirabili esempi di "Ramayana" e "Mahabharata" e delle "Mille e una notte". Il titolo stesso del romanzo discende da un poema classico in lingua tamil. Nelle opere successive conferma la predilezione per opere monumentali e nel recente "I giochi sacri" crea un affresco potente e grandioso di una delle metropoli più complesse e avvincenti della contemporaneità.

Born in New Dehli in 1961, he grew up in Rajasthan. Then, at University, he picked up the American culture. This writer feels comfortable both with the gods of the Hinduist Pantheon and the MTV stars. He loves literature, but he is a computer programmer as well. He spends six months in his native India and the rest of the year in Washington DC, where he teaches Creative Writing at University. He won prestigious literary awards and his works have already been translated in several languages. He belongs to the group of the great Indian writers who write in English, like Rushdie and Desai.

Bibliografia

"Terra rossa e pioggia scrosciante", Instar Libri, 1998
"Amore e nostalgia a Bombay", Instar Libri, 1999
"Missione Kashmir", Sperling & Kupfer, 2002
"I Giochi sacri", Mondadori, 2007