8 - 12 settembre Edizione 1999

Copertina Festivaletteratura edizionecurrentEdition.anno
Copertina Festivaletteratura edizionecurrentEdition.anno
Copertina Festivaletteratura edizionecurrentEdition.anno
Copertina Festivaletteratura edizionecurrentEdition.anno
Copertina Festivaletteratura edizionecurrentEdition.anno
30000 presenze 146 eventi

«C'è un rapporto finalmente diretto fra scrittore e lettore, senza intermediari, senza editori che pompano, critici che ingrossano, uffici stampa che esagerano, copertine che luccicano, fascette che straparlano, interviste che travisano, recensioni che mentono. Lo scrittore fa il suo mestiere, e il lettore pure» Filippo La Porta e Marco Cassini, L'Unità, 20/09/99

Ormai il festival è un appuntamento di riferimento, un evento riconosciuto a livello internazionale. Imprese, enti pubblici e associazioni di categoria confermano il proprio supporto alla manifestazione; gli organizzatori scaldano i motori; e le magliette blu animano nuovamente le strade, assistono sempre più visitatori, danno sfogo alle braccia e all'immaginazione.

Nel 1999 i Nobel per la letteratura sono di casa: le parole militanti di Nadine Gordimer e Tony Morrison si stagliano tra gli applausi; autori molto amati come Paulo Coelho, Joseph O'Connor, Jeanette Winterson e Jonathan Coe firmano decine di autografi e galvanizzano i lettori; il giovane Vikram Chandra chiude un'intervista e già presenzia a una colazione d'autore; lo scrittore di culto Jay McInerney (Le mille luci di New York) raggiunge la collega Tess Gallagher per celebrare l'opera di Raymond Carver. Pure la schiera degli italiani è foltissima: intervengono per la prima volta Luigi Meneghello e Andrea Zanzotto, Alda Merini, Sebastiano Vassalli, Alberto Arbasino, Dacia Maraini e Giuseppe Pontiggia. Si comincia a guardare al passato e alle grandi narrazioni, con Nicholas Shakespeare che rievoca le avventure di Bruce Chatwin, con Ernesto Franco e Giorgio Scaramuzzino che cercano un comune denominatore tra gli autori sudamericani del Novecento; nello stesso tempo si fanno strada eventi seriali come "Il corpo del comico", che consentono di ospitare all'interno di un solo percorso tematico più artisti e scrittori (in questo caso le punte di diamante di Zelig Cabaret, ovvero gli sceneggiatori Gino & Michele, i comici Giorgio Faletti, Enrico Bertolino e Marco Della Noce).

Anche gli eventi meta-letterari conquistano la piazza: all'incontro con il banchiere dei poveri Muhammad Yunus (ideatore del microcredito e premio Nobel per la pace nel 2006) si scorgono tra la folla illustri spettatori come Franca Rame e Dario Fo. C'è chi resta ammaliato di fronte ai temi dell'intelligenza artificiale e delle neuroscienze, grazie all'intervento di Alberto Oliverio (L'arte di imparare) e a cinque scienziati e filosofi della scienza che inscenano una brillante conversazione avvenuta a Cambridge cinquant'anni prima. Nel ricchissimo programma dei bambini restano poi memorabili gli incontri di brrrrrrrivido con Robert L. Stine, le maschere fai-da-te di Federico Maggioni, i pianeti danzanti dall'astronomo-burattinaio Horacio Tignatelli, i nodi magici dell'artista della fuga Diego Voltini, le immagini in movimento della Camera Collodi... E altrettanto memorabili sono i blues del poeta-cantautore Nick Cave, che insieme alle pagine del Qohelet, lette da Vincenzo Cerami, e ai prototipi della yiddishe mame, impersonati da uno straripante Moni Ovadia nel recital Mame mamele mama mame mamma mamà, chiudono idealmente la terza edizione di Festivaletteratura.

In sintesi il Festival si è articolato in 146 eventi:

- 24 percorsi letterari

- 55 incontri con/su autori

- 16 spettacoli teatrali/musicali

- 45 dedicati ai bambini

- 6 vari.


Il Festival ha visto la partecipazione di 270 tra scrittori, artisti, autori, relatori e conduttori degli incontri.

Biglietti prenotati: 26.300

Ritirati :24.800

Venduti sui luoghi: 1.000

Biglietti omaggio: 1.000 (sponsor,volontari,collaboratori)

Stima dei presenti su eventi gratuiti: 1.000

Stima di richieste respinte per esaurimento biglietti: 5.000

pass autorità,ospiti: 250


Brochure programmi: 70.000

Manifesti e locandine: 5.000

Cartoline 2000: 3000


Sono stati accreditati 101 rappresentanti di oltre 30 case editrici:

Feltrinelli, Einaudi, Salani, Tropea, Il Melangolo, Giunti, Sellerio, Rizzoli, Bompiani, Mondadori, Marcos y Marcos, Adelphi, Garzanti,RCS, Raffaello Cortina, Frassinelli, Fazi, Sperling & Kupfner, 3 Lune, Minimum Fax, Instar Libri, Baldini e Castoldi, Iperborea, Panini, Il Mulino, Castelvecchi, Guanda, Frontiera, ADN Kronos, C'era una volta, Colpo di fulmine, Corraini, E.Elle, Longanesi, Piemme, Il Saggiatore.


Sono stati accreditati 167 giornalisti e 26 tra fotografi ed operatori TV.

Gli articoli apparsi sulla stampa nazionale sono stati più di 700.

Le reti televisive che hanno trasmesso servizi sono state 9, le radio 19.


L'Organizzazione del Festival è assicurata dal lavoro volontario, non remunerato, dei seguenti organismi:

Comitato Organizzatore di Festivaletteratura: 9 persone.

Associazione Filofestival : 2.000 soci dei quali il 30% residenti in altre province; il Consiglio Direttivo è composto da 7 membri.

Il lavoro organizzativo si articola in :

Segreteria: tre persone (due volontari ed un professionista) per tutto il periodo dell'anno; 8 persone nel periodo da giugno a ferragosto; 24 persone fine agosto/periodo festival;

Box-office, informazioni, trasporto e accompagnamento autori, organizzazione eventi, controllo biglietti, vendita libri, accrediti, servizi vari : 300 volontari dell'Associazione Filofestival;

Ufficio Stampa: 3 professionisti e dieci volontari durante il periodo del Festival.

24Luoghi correlati