Mian, Mian

Persona

Mian Mian al Festivaletteratura 2001 - ©Festivaletteratura

Mian Mian è nata a Shanghai nel 1970. Interprete e voce delle nuove generazioni della Cina postrivoluzionaria, ha cominciato a scrivere negli anni '90. Già dopo il suo romanzo d'esordio nel 1995 "La La La", pubblicato prima ad Hong Hong, e dopo non poche resistenze in Cina, la scrittrice è stata definita dalla critica una delle voci più interessanti e significative della narrativa cinese contemporanea. Dopo "La La La" anche i successivi "Táng" (Caramella) e "Měi ge hǎo háizi dōu yǒu táng chī" (Tutti i bambini buoni ricevono le caramelle) hanno confermato il successo e la vena stilistica della giovane scrittrice cinese. I suoi libri, tutti fortemente autobiografici, raccontano storie di vita vera, ambientate per lo più in un panorama notturno, fatto di bar e discoteche, di party e di strade affollate in cui la ricerca della propria felicità, la passione per la musica, gli amori difficili e laceranti, la droga, il sesso e il suicidio sono i temi ricorrenti. Il romanzo "Women Hai Pa" è stato trasposto in un lungometraggio cinematografico intitolato "Shanghai Panic" (2001), nel quale la stessa autrice ha interpretato uno dei ruoli principali.

Mian Mian was born in Shanghai in 1970. An interpreter of the new post-revolution generations, she began to write in the 90s. Immediately after her first novel "La La La", published in Hong Kong first and after a few difficulties in China, she has been defined by the critics as one of the most interesting voices of Chinese Contemporary Fiction. With the following "Táng" e "Měi ge hǎo háizi dōu yǒu táng chī" she established herself as a renowned young writer. Her books, highly autobiographical, are about real life stories, set in a nocturnal atmosphere of bars and clubs, of parties and crowded roads where the search for one's happiness, the passion for music, the difficult and excruciating love stories, drugs, sex and suicide are recurrent themes. Mian Mian starred in 2001's "Shanghai Panic", a film adaptation of her book "Women Hai Pa".

Bibliografia

"Nove oggetti di desiderio", Einaudi, 2001