Mini, Fabio

Persona

Fabio Mini, generale in pensione, ha comandato le unità dei Vespri Siciliani, il contingente internazionale e la forza internazionale di pace in Kosovo. È stato Capo di Stato Maggiore della NATO in Sud Europa. Per tre anni è stato in Cina come addetto militare e in America per altri due anni come integrato in una unità americana. Ha raccontato le sue moltissime esperienze in "La guerra dopo la guerra", (Einaudi, 2003) e "Soldati" (Einaudi, 2008). Collabora con i suoi articoli e le sue riflessioni sulla sicurezza, la guerra contemporanea, i contingenti di pace a "La Repubblica" e "Limes". Tiene conferenze con particolare riferimento alle giovani generazioni e si è impegnato anche nel campo del sostegno umanitario, fondando insieme ad alcuni amici l'associazione Peace Generation.

Fabio Mini, a retired general, was in charge of the Vespri Siciliani Unit, the international contingentand the peace-keeping force in Kosovo. He was also Chief of Staff for Nato in Southern Europe. He also had several appointments including military officer in China for three years, as an integral part of an American unit for two years where he gained considerable experience, which he told in "La guerra dopo la guerra" (Einaudi, 2003) and "Soldati" (Einaudi, 2008). He writes articles about security, contemporary war and peace-keeping forces published by "La Repubblica" and "Limes". He holds conferences addressed mainly to younger generations and he has been interested in humanitarian aid, establishing with some friends the association Peace Generation.

Bibliografia

"Comandare & comunicare. L'esercito italiano per gli anni '90", Alinari, 1989
"L' altra strategia. I classici del pensiero militare cinese dalla guerra al marketing", Angeli, 1998
"La guerra dopo la guerra", Einaudi, 2003
"Soldati", Einaudi, 2008
"Eroi della guerra. Storie di uomini d'arme e di valore", Il Mulino, 2011