Macfarlane, Robert

Persona

Nato a Oxford nel 1976, Robert Macfarlane è un critico letterario e accademico britannico. Dopo aver studiato nelle università di Cambridge e Oxford e aver insegnato all'università di Beijing, nel 2002 è divenuto Fellows di letteratura inglese all'Emmanuel College della Cambridge University, dove tiene letture e seminari sulla fiction anglo-americana dal 1945 a oggi, sulla storia del romanzo e sul postmodernismo in letteratura. Nel corso degli studi universitari si è specializzato sull'opera di George Eliot, Charles Dickens e Oscar Wilde. Il suo scritto d'esordio, "Come le montagne conquistarono gli uomini", gli è valso il Guardian First Book Award, il Somerset Maugham Award e il Sunday Times Young Writer of the Year Award. Imprescindibile, nei suoi saggi, il rapporto tra natura e letteratura, tra le suggestioni paesaggistiche e la genesi dell'opera romanzesca, specie in rapporto alla narrativa dell'età vittoriana. Per questa ragione Macfarlane è considerato uno dei massimi eredi di scrittori naturalisti quali John Muir, Richard Jefferies e Edward Thomas e di saggisti contemporanei come John McPhee, Barry Lopez e Roger Deakin. Il suo originale apporto critico, che guarda parimenti alla storia della letteratura, all'ecologia e alla geografia, lo porta spesso a firmare articoli per quotidiani e periodici come il "Guardian", il "Sunday Times", l'"Observer", il "Times Literary Supplement" e il "London Review of Books". Nel 2013 ha presieduto la giuria del Man Booker Prize.

English version not available

Bibliografia

"Come le montagne conquistarono gli uomini. Storia di una passione", Mondadori, 2005
"Luoghi selvaggi. In viaggio a piedi tra isole, vette, brughiere e foreste", Einaudi, 2011
"Le antiche vie. Un elogio del camminare", Einaudi, 2013