Desiati, Mario

Persona

Mario Desiati al Festivaletteratura 2014 - ©Festivaletteratura

Mario Desiati è vissuto e cresciuto a Martina Franca, in provincia di Taranto. Trasferitosi a Roma, inizia a collaborare con la rivista "Nuovi Argomenti" e a lavorare presso le case editrici Arnoldo Mondadori e Fandango Libri. Nel 2003 esce il suo primo romanzo, "Neppure quando è notte". Nel 2004 pubblica la raccolta di versi "Le luci gialle della contraerea". Il suo impegno in campo poetico è testimoniato anche da diverse curatele, in particolare dell'antologia "Nuovissima Poesia Italiana". Con il suo secondo romanzo, "Vita precaria e amore eterno" (2006), vince il Premio per l'impegno civile 'Paolo Volponi'. Nel 2008 esce "Il paese delle spose infelici", da cui è stato tratto l'omonimo film per la regia di Pippo Mezzapesa. Con "Ternitti", ambientato negli anni Settanta del Novecento, racconta l'emigrazione pugliese in Svizzera e i tragici destini delle vittime dell'amianto, firmando la sua opera romanzesca più conosciuta, finalista al Premio Strega 2011 e tradotta in più lingue. "Il libro dell'amore proibito" è la storia del tragico innamoramento tra un giovane quattordicenne e la sua insegnante, «l'affresco - come ha scritto Roberto Cotroneo - di un modo di perdere la giovinezza senza riuscire, mai e poi mai, a conquistare l'età adulta». Nel 2014 esce "Un mare di zucchero".

English version not available

Bibliografia

"Neppure quando è notte", Pequod, 2003
"Le luci gialle della contraerea", LietoColle, 2004
"Vita precaria e amore eterno", Mondadori, 2007 (2013)
"Il paese delle spose infelici", Mondadori, 2008 (2010)
"Foto di classe. U uagnon se n'asciot", Laterza, 2009
"Amour fou", con Marina Sagona, Italic, 2011
"Ternitti", Mondadori, 2012
"Il libro dell'amore proibito", Mondadori, 2013
"Mare di zucchero", Mondadori, 2014