09/09/1999

Andrea Zanzotto

1999_09_09_022

Fin dall'esordio del '51, è già un poeta in controtendenza. E dall'idillio all'elegia, dall'ermetismo all'avanguardia attraversa questa seconda metà del secolo con un plurilinguismo «accanito e denso» e con una straordinaria testimonianza: «tutto converge sulla e nella lingua perché la lingua è tutto». Nel segno della continuità, «eversivamente» scrive per disperato amore di «armonia» in lingua e in dialetto, scolpendo ritratti semplici di una nuova umanità né rasserenante né consenziente.

English version not available

Italiano

Non disponibile

1Luoghi collegati

1Enti correlati