05/09/2002

GLI SCRITTORI E NEW YORK


2002_09_05_040

Una nuova generazione di scrittori americani si sta imponendo all'attenzione del pubblico dei lettori. Tra i talenti più interessanti - tradotti anche in Italia - ci sono senz'altro Jonathan Lethem ("Testadipazzo" e "L'inferno comincia nel giardino") e Colson Whitehead ("L'intuizionista" e "John Henry Days"), che parleranno del rapporto con la loro città, New York, anche alla luce dei tragici eventi dell'11 settembre. Conduce l'incontro la giornalista Alessandra Orsi.


English version not available

Italiano
Inglese

È possibile parlare del rapporto fra due giovani scrittori e la città di New York senza nominare l'11 settembre? Si chiede la giornalista Alessandra Orsi che conduce l'incontro. Colson Whitehead e Jonathan Lethem, di Brooklin, New York, sono due giovani scrittori della generazione cresciuta negli anni '80, in piena pop culture, e fin dall'inizio sono stati abituati a mescolare generi e temi, senza sentire il bisogno di chiedere scusa se gli veniva voglia di rubare o prendere a prestito da altri, fumettisti, scrittori seri o musica rock che fosse. Non c'è più differenza tra cultura alta e bassa, e New York oggi è l'immagine dei miscugli. I due autori solo oggi stanno imparando a scrivere della propria città, a descriverne i paesaggi. Una persona del pubblico fa notare che i newyorkesi si lamentano sempre della loro città, ma se qualcuno da fuori prova a criticarla, la difendono sempre a spada tratta. Whitehead gli dà ragione, e ammette che quando è via dall'America, tutto del suo Paese gli appare con un'aurea romantica, perfino Bush.

1Luoghi collegati

1Enti correlati