04/09/2003

Alfred Brendel con Carlo Boccadoro

2003_09_04_032

Protagonista di concerti tenuti in tutto il mondo, Alfred Brendel è uomo di cultura nel senso più completo, «illuministico», del termine. La musica, la filosofia, la letteratura sono le tre passioni che Brendel ha saputo approfondire con scienza ed intelligenza, unendo ai concerti, di per sé già vere e proprie lezioni d'interpretazione musicale, la pubblicazione di saggi ("Il velo dell'ordine"), nonché di tre raccolte di poemi umoristici. Il maestro parlerà di oltre cinquant'anni di carriera artistica e di distrazioni letterarie con il musicista e compositore Carlo Boccadoro.


English version not available

Italiano

Le parole del grande pianista Alfred Brendel hanno coinvolto e stimolato un pubblico come al solito preparato, che ha reagito ponendo domande interessanti, meritevoli forse di risposte più esaurienti. Introdotta da una veloce ma non lacunosa presentazione dell'eclettico musicista Carlo Boccadoro, che ha sottolineato la modernità delle interpretazioni classiche del pianista, la conversazione ha poi toccato l'arte di musicisti quali Haydn, Mozart e Schubert, delle cui opere Brendel è stato interprete attento e innovativo, per l'eleganza e la fedeltà delle sue esecuzioni. Il pianista ha anche accennato al suo interesse per le correnti musicali contemporanee, che affronta con atteggiamento critico ma aperto. Data la specificità dell'argomento e una traduzione a tratti fuorviante, la porzione di pubblico meno esperta si è forse un po' persa in questo Mondo dell'Interpretazione.

1Luoghi collegati