04/09/2003

"IL CUL PELATO DELLE VEDOVE"
. Laboratorio di composizione di libri immaginari


2003_09_04_035

Evento ripetuto


Basta scriverne, ed un libro prende ad esistere. Ad esempio, descrivendo la sua Biblioteca di Babele, Borges cita numerosi libri che esistono solo lì. E non è l'unica biblioteca immaginaria. Paolo Albani e Paolo della Bella vi insegneranno i principali metodi per immaginare trame e titoli di libri inesistenti, tra cui il metodo "rabelaisiano", il metodo "anagrammatico", il metodo "degli ircocervi" e numerosi altri. Durante il laboratorio si realizzeranno anche le copertine e le illustrazioni di questi singolari libri.


English version not available

Italiano

Libri che non ci sono, ma che magari ci saranno, e che di certo non sono mai stati avvistati in alcuna tipografia: i fantalibri. Sono ciò che si sono proposti di creare Paolo Albani e Paolo Della Bella durante il laboratorio "Il cul pelato delle vedove", ideando titoli bizzarri per saggi, romanzi o trattati, scritti da autori mai esistiti, realizzandone perfino le copertine, grazie alla fantasia e alla vena ironica degli spettatori. Così, i nostri fantascrittori si sono avventurati nel mondo dei Mirabilia, i libri introvabili, per scovare una vecchia copia impolverata di "Gorgoglio e vocalizzo", celebre libro di Jean Gospel, nell'edizione - ormai irrecuperabile - di Plettrinelli, o del rinomato "L'insopportabile torpidezza del Tevere" di Roman Dèpura, questo fresco fresco di stampa. Decisamente un incontro che ha mostrato nuove vie da percorrere con la propria immaginazione, e dato nuovi spazi alla creatività.

1Luoghi collegati