10/09/2004

CONCERTO


2004_09_10_111

Elio e le Storie Tese hanno un dono che li rende semplicemente unici: la capacità di analizzare nelle loro canzoni i luoghi comuni, i tic inconfessabili, i vizi personali e collettivi della nazione, in una chiave al tempo raffinatissima e fortemente popolare. E poi dicono le parolacce, come ben pochi osano fare nel pop italiano, che affoga nella retorica del linguaggio televisivo. Elio e le Storie Tese, dopo il loro sbarco sul pianeta letteratura con "Animali spiaccicati" e "Fiabe centimetropolitane", approdano in piazza Castello per uno dei loro leggendari concerti con la partecipazione di ospiti a sorpresa.


English version not available

Italiano

Uno show di oltre due ore che definire concerto è sicuramente riduttivo. Elio e le storie tese, nella cornice di piazza Castello, non hanno soltanto proposto alcuni tra i più celebri brani del proprio repertorio, ma hanno anche dialogato col numerosissimo pubblico accorso, lasciando a tratti la scena all'ospite d'eccezione della serata: Claudio Bisio. «Da oggi facciamo parte del mondo della cultura», ha esordito sorridendo Elio prima di lanciarsi nel lungo concerto. Ma la serata, come detto, è stata ricca di sorprese: come quando sul palco è salito un improbabile tecnico, rivelatosi poi Claudio Bisio, che ha offerto alla platea prima un breve racconto, cimentandosi poi in un'esibizione canora di tutto rispetto. Neppure i fuochi d'artificio che illuminavano il cielo mantovano sono riusciti a fermare il travolgente spettacolo di Elio, che nel gran finale ha sfoderato l'ultimo successo in ordine cronologico: "Shpalman". Ora che sei parte del mondo della cultura, Elio, ti aspettiamo più spesso.

1Luoghi collegati

1Enti correlati