10/09/2006

LA GRAFICA EDITORIALE


2006_09_10_226

Come si presentano un giornale e un libro? Attraverso la loro grafica. Italo Lupi, direttore di "Abitare", e Mario Piazza, direttore creativo di "Domus", ci mostrano come, attraverso le scelte di grafica editoriale che informano riviste e collane di libri, si arrivi a comunicare già molto di quello che quelle riviste e quei libri ci vogliono dire (e come le riviste e i libri che poco pensano alla propria grafica abbiano anche ben poco da dire).


English version not available

Italiano

Salone Mantegnesco, all'interno dell'Università di Mantova, davvero gremito di persone. All'interno moltissimi giovani, ma anche qualche capello bianco, occupano sedie e scalini. I meno fortunati sono seduti per terra o si sono ormai rassegnati a stare in piedi. Tutto è pronto per accogliere i 'professori', Italo Lupi e Mario Piazza, che si rivelano quasi intimoriti dalla quantità di spettatori in aula. Qualche battuta, un po' di biografia e di gavetta per entrambi tra riviste specializzate, come "Domus", o di grande diffusione, ma questo non importa; per ognuna c'è sempre la stessa attenzione, l'amore per i mille particolari che caratterizzano la grafica editoriale: carta, fotografie, caratteri, colori, composizione, la stessa copertina. E finalmente sono arrivate le immagini, le pagine di riviste caratterizzate da una grafica sempre diversa, perché ogni argomento vuole il suo linguaggio; i segreti per conquistare il pubblico nella visione del progetto per le Olimpiadi invernali di Torino 2006, con quelli che sono poi diventati i simboli fondamentali di questa manifestazione. Si conclude con l'info-grafica dei quotidiani, che rende godibile anche mappe e dati statistici, cercando però sempre di moderare l'uso del 'bello', l'ingordigia e la massificazione del colore, per continuare ad informare nel modo più corretto possibile.

1Luoghi collegati

1Enti correlati